Benvenuti nel mio Blog!
Un diario personale dove cercherò di non farvi trovare solo gradi e prestazioni sterili ma emozioni legate alle salite, paure condivise con amici, strette di mano, abbracci, racconti semplici e quant'altro ci consenta di sognare...

Solitudine

Si può scalare ancora da soli, senza incontrare nessuno per tutto il giorno, a due passi dalla civiltà e godersi appieno la linea scelta ?
Certo! Basta cercare....













Il quadro rinato



Un caro Amico ha appena finito di sistemare, con alcune varianti personali, una via di roccia dimenticata da troppo tempo.
Sistemare una via in bassa quota è sempre un gran lavoro: erba, spine e terra la fan da padrone, bisogna provare per capire.
Non si può non onorare il suo grande impegno e il relativo tempo dedicato rubato ad altro.
E allora via… subito con una ripetizione!
Una mezza giornata libera, anche se fredda, ci permette di godere appieno di questo piccolo gioiello ottimamente chiodato.
Più salgo e più la via mi piace: sugli ultimi due tiri la roccia è talmente bella e ruvida che mi ricorda quella di alcune vie del Medale di 30 anni fa!
Peccato non ci siano altri tre-quattro tiri così! Sarebbe un capolavoro…

Un grazie al Capitano che ha tolto dalla soffitta un quadro d’autore e, appendendolo al muro, ha dato la possibilità a molti di ammirarlo!
La linea di salita




Bella placca


Un bel V grado !!

Puro godimento!